Il Parlamento europeo approva la direttiva sul salario minimo

Condividi

Mercoledì 14 settembre, il Parlamento europeo ha approvato la direttiva sul salario minimo, con 505 voti favorevoli, 92 contrari e 44 astensioni.

La nuova direttiva, concordata a luglio, si applicherà a tutti i lavoratori dell’UE con un contratto o un rapporto di lavoro. I Paesi UE, dove il salario minimo gode già di protezione, grazie ai contratti collettivi, non saranno tenuti a introdurre queste norme o a rendere gli accordi già previsti universalmente applicabili.

APPROFONDISCI ANCHE: Salario minimo: cos’è, le proposte e  come funziona

La definizione del salario minimo rimane di competenza dei singoli Stati membri, i quali dovranno però garantire che i loro salari minimi consentano ai lavoratori una vita dignitosa, tenendo conto del costo della vita e dei più ampi livelli di retribuzione.

L’altra strada possibile al salario minimo è la contrattazione collettiva a livello settoriale e interprofessionale, che è un fattore essenziale per determinare i salari minimi adeguati. Gli Stati membri in cui meno dell’80% dei lavoratori è interessato dalla contrattazione collettiva, dovranno – congiuntamente alle parti sociali – stabilire un piano d’azione per aumentare tale percentuale. Pertanto non è il caso dell’Italia che ha un’elevata copertura della contrattazione collettiva.

Inoltre nel testo concordato viene introdotto l’obbligo per i Paesi UE di istituire un sistema di monitoraggio affidabile, nonché controlli e ispezioni sul campo, per garantire conformità e contrastare i subappalti abusivi, il lavoro autonomo fittizio, gli straordinari non registrati o la maggiore intensità di lavoro.

APPROFONDISCI ANCHE: Salario minimo, le proposte dei partiti

Per accedere a tutti gli approfondimenti del blog, abbonati qui. Per te un mese gratuito e poi potrai decidere se rimanere o lasciare senza impegni.