Migranti, il piano d’azione proposto dalla Commissione europea

Condividi

In vista del Consiglio straordinario Giustizia e affari interni (Affari interni) del 25 novembre 2022, la Commissione ha presentato un piano d’azione dell’UE sul Mediterraneo centrale. Pur sottolineando che le soluzioni strutturali potranno essere trovate solo attraverso un accordo sull’intera serie di riforme in materia di asilo e migrazione attualmente in fase di negoziazione, la Commissione propone una serie di misure operative per affrontare le sfide immediate e in corso lungo la rotta migratoria del Mediterraneo centrale.

Il piano d’azione propone una serie di 20 misure articolate attorno a tre pilastri che saranno portate avanti dall’UE e dai suoi Stati membri. Sono concepiti per ridurre la migrazione irregolare e non sicura, fornire soluzioni alle sfide emergenti nel settore della ricerca e soccorso e rafforzare la solidarietà bilanciata dalla responsabilità tra gli Stati membri. Il piano d’azione completo è disponibile qui.

Primo pilastro: lavorare con i paesi partner e le organizzazioni internazionali

Una cooperazione rafforzata con i paesi partner e le organizzazioni internazionali è necessaria per affrontare le sfide della migrazione. L’UE rafforzerà le capacità di Tunisia, Egitto e Libia per garantire una migliore gestione delle frontiere e della migrazione. Rafforzerà la lotta contro il traffico di migranti e rafforzerà l’impegno diplomatico sui rimpatri, intensificando nel contempo i percorsi legali verso l’UE. Per coordinare queste azioni e massimizzarne l’impatto, l’UE farà un uso migliore delle sue strutture di coordinamento e avvierà un’apposita iniziativa Team Europa sul Mediterraneo centrale entro la fine di quest’anno.

Secondo pilastro: un approccio più coordinato alla ricerca e al soccorso 

Il piano d’azione propone misure per rafforzare la cooperazione tra gli Stati membri e tutti gli attori coinvolti nelle attività di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo centrale, utilizzando il gruppo di contatto europeo per la ricerca e il salvataggio, annunciato nell’ambito del nuovo patto. Frontex, insieme agli Stati membri interessati, effettuerà una valutazione della situazione nel Mediterraneo centrale. Sarà garantito un coordinamento più stretto con l’UNHCR e l’OIM. Dovrebbero inoltre essere promosse discussioni in seno all’Organizzazione marittima internazionale sulla necessità di un quadro specifico e orientamenti per le navi con particolare attenzione alle attività di ricerca e salvataggio.

Terzo pilastro: rafforzare l’attuazione del meccanismo volontario di solidarietà e della tabella di marcia comune

La dichiarazione di solidarietà concordata il 22 giugno 2022 prevede un meccanismo volontario e temporaneo per un anno, che funge da ponte verso il futuro sistema permanente previsto dal patto. Il piano d’azione propone di accelerare l’attuazione del meccanismo, anche per fornire un rapido sostegno agli Stati membri che ricevono arrivi via mare, migliorare la flessibilità, razionalizzare i processi e attuare il finanziamento di misure alternative di solidarietà.

APPROFONDISCI ANCHE: Migranti, la crisi tra Italia-Francia: cosa è successo

 

Immagine di copertina: SOS Mediterranee Italia 

SOSTIENI IL BLOG

L’approfondimento è un blog di approfondimento indipendente e gratuito. L’obiettivo è approfondire in maniera trasparente e oggettiva  le tematiche di attualità. Il lavoro di ricerca e approfondimento però richiedono tempo  e risorse. Una donazione, anche minima, sostiene il lavoro che c’è dietro e permette a tutti l’accesso gratuito ai contenuti.