Cosa significa la ritirata russa da Kherson?

Condividi

L’esercito ucraino è entrato nella città di Kherson. Lo ha annunciato il ministero della Difesa ucraino, Oleksij Reznikov.  Nonostante tutto, la Russia rivendica l’annessione della regione.

La notizia del ritiro russo da Kherson non è arrivata senza preavviso: il generale Sergey Surovikin aveva accennato alla possibilità di una “decisione difficile” già ad ottobre. Il ritiro russo da Kherson non è una conseguenza diretta dei recenti cambiamenti al fronte nell’ultimo mese, perchè non ce ne sono stati, anche da parte ucraina.

Secondo quanto scritto da Meduza, il vero motivo della ritirata della Russia è stata  la mancanza di prospettive nel caso di una vera offensiva ucraina. Difendere la città da un’offensiva ucraina richiederebbe un numero elevato di truppe pronte al combattimento, ma queste truppe avrebbero risorse limitate a causa di problemi di approvvigionamento. Di conseguenza, la Russia ha concluso che saranno più efficaci altrove.

Come si è arrivati alla ritirata della Russia 

A marzo, le truppe aviotrasportate russe, i marines e le forze di difesa costiere della Crimea hanno approfittato del crollo delle difese ucraine nell’area per catturare Kherson e avanzare: a ovest (fino ai confini della città di Mykolaik), a nord-ovest (fino a un ponte sul fiume Bug meridionale vicino alla città di Voznesensk) e nord (alla periferia della città di Kryvyi Rih).

Tuttavia dall’inizio di marzo era chiaro che la Russia non disponeva delle forze necessarie per un’offensiva così ambiziosa. Non era possibile dispiegare rapidamente riserve nell’area ei bombardamenti ucraini hanno costretto le truppe russe a ritirarsi da Mykolaiv, Voznesensk e Kryvyi Rih al confine regionale di Kherson.
Lì, così come intorno alla città di Snihurivka nella regione di Mykolaiv,  hanno costruito difese.
La geografia ha fornito qualche aiuto: il paesaggio nell’area è costituito principalmente da steppe spoglie con solo occasionali cinture di foresta, il che significa che non ci sarebbe nessun posto dove nascondersi per l’avanzata delle truppe ucraine. Le forze russe quindi hanno collocato una parte significativa delle loro difese lungo il fiume Inhulets.

L’esercito ucraino ha cercato di attraversare il fiume durante l’estate, ma alla fine ha subito pesanti perdite. Anche un tentativo di offensiva ucraina da Mykolaiv, che non ha grossi ostacoli d’acqua, è fallito quando le truppe ucraine sono state attaccate dalle forze aeree e di artiglieria russe nella steppa. Successivamente, il fronte si è trasformato in una guerra di logoramento e in luglio e agosto il comando russo ha inviato rinforzi significativi alla riva destra del Dnipro.

Alla fine dell’estate, l’esercito ucraino ha iniziato a impiegare una nuova tattica: invece di assaltare frontalmente le posizioni russe, hanno iniziato a prendere di mira la logistica russa, anche distruggendo sistematicamente i magazzini con munizioni russe. Questo è stato possibile perchè l’Ucraina ha ricevuto più lanciarazzi HIMARS, in grado di effettuare attacchi ad alta precisione molto dietro la linea del fronte.

Le forze armate ucraine hanno iniziato a lanciare attacchi quotidiani sui ponti che erano fondamentali per le linee di rifornimento della Russia. Sebbene le testate dei missili non fossero in grado di distruggere completamente i ponti. A metà ottobre, l’Ucraina ha eliminato tutti e tre i ponti sul fiume Dnipro nella parte della regione di Kherson controllata dai russi.

Negli ultimi mesi, la Russia ha utilizzato barche per trasferire rifornimenti sia alle sue truppe che ai civili a Kherson. Ma i  traghetti e altre imbarcazioni hanno una capacità di trasporto intrinsecamente inferiore rispetto ai ponti e la Russia semplicemente non aveva abbastanza navi.

All’inizio di ottobre, il comando militare ucraino, avendo l’iniziativa e un vantaggio numerico, è riuscito a trovare un punto debole nella linea di difesa russa: un punto lungo il Dnipro che era difeso dalla fanteria di una brigata di difesa costiera della Crimea già esausta per combattimento precedente. L’Ucraina è riuscita a penetrare la linea del fronte e ad avanzare per decine di chilometri, costringendo infine le truppe russe nella sezione settentrionale della testa di ponte russa di Kherson a ritirarsi per costruire una nuova linea di difesa. Il fronte si è stabilizzato lungo questa nuova linea e l’Ucraina ha iniziato a radunare rinforzi per una nuova offensiva. Di conseguenza la posizione della Russia era molto complicata e difatti le prospettive a lungo termine della Russia sembravano senza speranza.

Si tratta della più grande sconfitta russa finora? 

Dal punto di vista politico, è sicuramente uno dei più grandi. Tuttavia, l’Ucraina otterrà il controllo di appena il 23% della regione di Kherson, la maggior parte della quale si trova sulla riva sinistra del fiume Dnipro. La Russia continuerà a controllare il territorio in cui si trovano le sue principali basi di approvvigionamento.

Dal punto di vista militare, le cose sono più complicate, perché le truppe russe saranno trasferite in posizioni più favorevoli e ora sarà più facile rifornirle.

Tuttavia, questo include anche punti: il ritiro della Russia dalla riva destra del Dnipro lo renderà di fatto impossibile catturare Odessa.
Con la  ritirata attraverso il fiume Dnipro, la Russia libererà alcune delle sue truppe pronte al combattimento, ma libererà ancora di più quelle dell’Ucraina. Inoltre, la Russia dovrà costruire una nuova linea di difesa lungo il fiume.
Le basi logistiche russe nelle retrovie saranno ora alla portata dell’artiglieria ucraina e di più lanciarazzi.
Infine, Se tutte le forze russe fuggiranno dalla riva destra del Dnipro, la diga della centrale idroelettrica di Kakhovka a Nova Kakhovka passerà sotto il controllo ucraino. Non è chiaro se il comando militare russo abbia attualmente un piano per difendere la diga, e bombardarla fuori servizio rischierebbe di inondare gli insediamenti sulla riva sinistra del Dnipro, ancora occupata.

 

Fonte  e testo di Meduza 

Immagine di copertina: Giosi Ferrandino (account Twitter)