Russia, la campagna di mobilitazione ha messo in ginocchio il sistema educativo

Condividi

Di Meduza

La campagna di mobilitazione russa ha messo in ginocchio il sistema educativo del Paese. La nuova indagine del media indipendente Verstka ha rilevato che gli insegnanti russi, che non sono esentati dalla leva, si stanno nascondendo e stanno fuggendo dall Russia. Le scuole private, molte delle quali hanno visto un picco di iscrizioni quest’anno, stanno rischiando la chiusura. Studenti e genitori hanno iniziato a scrivere direttamente ai politici, implorando l’esenzione dei singoli insegnanti.

Per Andrey (nome di fantasia), insegnante di fisica di 39 anni in una scuola privata di San Pietroburgo, rimanere in Russia dopo che il Cremlino ha lanciato la sua guerra su vasta scala in Ucraina era un sacrificio che era disposto a fare. Ma quando Putin ha annunciato la mobilitazione il 21 settembre, il rischio è diventato troppo grande. La notte del 24 settembre Andrey ha attraversato a piedi il confine tra Russia e Georgia.

L’80 per cento degli insegnanti della scuola intende andarsene nel prossimo futuro, mentre tutti i tutor interni della scuola hanno in programma di emigrare (o nascondersi) se non l’hanno già fatto. Di conseguenza, gli amministratori stanno discutendo di trasferire la scuola o chiuderla del tutto.

Gli ordini di mobilitazione della Russia non discriminano in base al merito: anche alcuni degli insegnanti più “decorati” del Paese vengono arruolati. Il 18 settembre, Miras Ishdavletov, ha vinto un premio in un concorso nazionale per insegnanti di lingue e letterature indigene. Una settimana dopo, è stato nominato Insegnante d’Onore della Repubblica del Bashkortistan. Il giorno seguente è stato arruolato.

“Abbiamo pensato che  fosse un errore, perché non ha esperienza di combattimento”, ha detto la moglie dell’insegnante, Irina Ishdavletov. «Ma l’hanno preso. Nessuno ci ha aiutato. Mi sconvolge profondamente il fatto che trattino in questo modo personale altamente qualificato. Ci siamo sposati quest’estate e aspettiamo un bambino. Presto prenderò il congedo di maternità. Abbiamo entrambi dei mutui e quest’estate abbiamo preso un prestito auto. Ora devo affrontare tutto questo da sola”.

Yury Varlamov, capo di un sindacato degli insegnanti russo Uchitel, ha detto a Verstka che in alcune scuole la carenza di insegnanti ha raggiunto un punto di crisi : semplicemente non c’è nessuno a cui insegnare agli studenti.

In molte scuole, ogni settimana non vengono occupate fino a 100-120 ore di insegnamento— non c’è nessuno che sostituisca . In alcuni casi, interi argomenti vengono tagliati dal programma”, ha affermato Varlamov.

Il sindacato Uchitel ha fatto appello al presidente e al governo russo per chiedere che agli insegnanti siano concesse esenzioni dalla mobilitazione. “Migliaia di studenti sono rimasti senza insegnanti. Non c’è nessuno che li sostituisca”, hanno scritto i membri del sindacato.